sprint jaeggi klein
Durante il defaticamento nel terreno sprint


sprint karte klein
Punti chiave nella gara sprint

I nuovi campioni europei sprint di Bike-OL sono Vernoika Kubinova (CZE) e Lauri Malsroos (EST). Gli svizzeri hanno mostrato prestazioni solide e si sono classificati ai ranghi 11 (Maja Rothweiler), 12 (Simon Brändli) e 20 (Adrian Jäggi).

Il terreno sprint nel e attorno allo stadio olimpico di Wroclaw (Breslavia), Polonia, aveva oltre al terreno urbano anche parti veloci nel bosco con una rete di sentieri in parte molto dettagliata.

Maja Rothweiler ha occupato l’11. rango. “La sprint mi è piaciuta molto. Era importante leggere sempre in anticipo e essere pronti ai bivi.” A causa di due scelte non ottimali e di alcuni bivi sbagliati, Rothweiler ha perso circa 2:30 minuti dalla ceca Veronika Kubinova, che ha dominato la sprint con più di un minuto di vantaggio sulla seconda.

Con il 12. rango e 40 secondi di ritardo dal podio, Simon Brändli è contento. “Ho messo in pratica il mio concetto e non ho mai perso il controllo nella gara difficile amministrativamente.” Le buone gambe hanno dato fiducia a Brändli per il massenstart di domani, il formato in cui Brändli ha vinto la sua prima medaglia individuale ai mondiali 2017.

Altri 33 secondi deitro a Brändli, Adrian Jäggi ha raggiunto il 20. rango nel folto gruppo di atleti: “Le gambe erano meglio di ieri, ma purtroppo ho fatto una brutta scelta per l’8 che mi è costata circa 40 secondi.” Per l’ottavo punto la scelta a destra passando dal 5 e dal 6 era nettamente migliore rispetto a sinistra della collina, come hanno scelto entrambi gli svizzeri (vedere estratto carta). Jäggi ha mostrato oggi con una gara solida che nel suo primo anno da élite può farsi vedere anche nella sprint.

(Testo: Noah Rieder)

Risultati & Live
RSS Feed