DSC 0179
Maja Rothweiler al 5. posto.


DSC 0195
Simon Brändli in lotta fino all'arrivo.


DSC 0149
Adrian Jäggi in gara con diffetto meccanico.


DSC 0182
Noah Rieder all'8. posto.


DSC 0129
Silas Hotz allo sprint finale.



Alla gara long dei mondiali di Bike-OL in Danimarca, Maja Rothweiler ha vinto un diploma come quinta grazie ad una bella prestazione. Noah Rieder si è preso un ottavo posto tra gli juniori.

Era una gara dove la capacità di tenere la velocità era decisiva. Il percorso degli uomini era di 47 km e quello delle donne di 42 km in un bosco danese di deforestazione composto da molti tagli di bosco creati dai trattori. Molte tratte lunghe permettevano agli atleti di aggirare su strade forestali e tagli di bosco dove bisognava tirare. Era però anche decisivo rallentare al momento giusto per non mancare i sentieri in parte molto poco visibili o per navigare in modo sicuro nelle parti con biketrail.

Élite

Dopo la delusione nella middle, Maja Rothweiler ha deciso di fare soprattutto scelte dirette. È partita senza errori ed è stata presa dopo circa due terzi di gara dalla dominatrice dei mondiali Emily Benham (GB), che dopo avere vinto sprint e middle, ha vinto pure la long. Rothweiler ha provato a tenere questa velocità e ha fatto il resto della gara con Benham. Poco prima della fine ha dovuto lasciarla andare a causa di un’insicurezza. “Era una gara estremamente dura – fisicamente e mentalmente. Si doveva fare una scelta fra molte varianti e poi metterla in pratica con decisione e lottando”, ha raccontato Rothweiler. “Sono contenta che la mia tattica oggi abbia funzionato e per il diploma.”

Tra gli uomini non è stata una giornata svizzera. Simon Brändli è sì partito bene, ma soprattutto sulle parti lunghe e dritte non è riuscito a raggiungere la velocità dei migliori. Dopo avere perso molto tempo non avendo visto un sentiero poco visibile, è stato preso da Anton Foliforov (RUS), alla fine terzo. “Per la maggior parte del tempo ho dovuto lasciare guidare Anton – oggi era fisicamente più forte”, ha detto Brändli. “Sono arrivato abbastanza al limite delle mie forze. Alcuni punti prima dell’arrivo mi è poi caduta la catena a causa di un ramo e non sono più riuscito a chiudere il buco.” Sei minuti di ritardo dal vincitore Ruslan Gritsan (RUS) significavano il 20. rango nella corta classifica degli uomini. Adrian Jäggi ha avuto presto un taglio nel copertone, probabilmente per un pezzo di vetro. “Sono riuscito a mettere a posto velocemente la ruota, ma ha tenuto solo per i cinque punti seguenti. Alla fine, ho fatto 20 km per tornare all’arrivo”, ha detto frustrato dopo il secondo problema meccanico in due giorni.

Juniori

Noah Rieder è la costanza in persona ai mondiali juniori. Dopo l’ottava e il settimo rango nella sprint e nella middle si è assicurato anche nella long l’ottavo posto con una bella prestazione. “Ho fatto una bella gara con poche insicurezze e ho potuto lottare fino alla fine”, ha analizzato. Silas Hotz non è invece andato così bene dopo una buona partenza. “Improvvisamente tutta la mia concentrazione non c’era più e non sono semplicemente più riuscito ad orientarmi tranquillamente”, mostrandosi deluso con il 26. rango.

Risultati

Il resto del programma:

  • Ve, 2.8.: Massenstart
  • Sa, 3.8.: Staffetta

Pagina web con risultati live e GPS 

Testo e foto: Beat Schaffner

RSS Feed