Ai CISM a Wuhan (Cina) oggi si è svolta la prima gara sulla distanza media. Con la tripletta degli uomini svizzeri ci sarebbero in sé abbastanza motivi per festeggiare. Ma l’evento è stato messo in ombra dal comportamento non corretto della squadra cinese.

2019 CISM MatthiasKyburz
Il vincitore Matthias Kyburz

2019 CISM Team
La squadra svizzera

Per la squadra svizzera i CISM World Games a Wuhan (Cina) sono iniziati oggi con una middle che era caratterizzata da una vegetazione densa e da un terreno ripido. Tra gli uomini si è potuto subito festeggiare una tripletta: Matthias Kyburz ha vinto in 38’ sul percorso di 5.3 km e 465 metri di dislivello. Con 27 secondi di ritardo Florian Howald è arrivato secondo. Segue al terzo posto Jonas Egger. Nella Top-Ten anche Martin Hubmann al quinto posto e Andreas Kyburz al nono.

Tra le donne vi è stata una doppietta russa. Deitro alla vincitrice Anastasiia Rudnaia si è classificata la sua compagna di squadra Iuliia Novikova. Al terzo rango la polacca Aleksandra Hornik. Sono mancato solo sette secondi a Elena Roos per arrivare sul podio, lei è arrivata 5. Sarina Jenzer ha fatto un grande errore per il primo punto e ha finito settima.

La gara è stata messa in ombra dal comportamento scorretto della squadra cinese. Inizialmente due cinesi occupavano i primi due ranghi tra le donne con più di sei minuti di vantaggio sulla terza. Anche tra gli uomini un cinese era sorprendentemente secondo. Finora questi atleti non erano mai stati tra i primi al mondo. Dopo che è stato raccontato che i cinesi corressero verso i punti decisi e senza guardare la carta, si è avuto il sospetto che avessero già corso sul percorso. La squadra svizzera ha fatto protesto assieme ad altre cinque nazioni a reazione di queste rivelazioni, e la giuria ha accettato il protesto. Sia la squadra maschile cinese che quella femminile sono state squalificate e tolte dalla classifica.

Pagina web organizzatori con risultati, liste di partenza e altre informazioni sui CISM.

Testo: Annalena Schmid.


RSS Feed