I Campionati europei giovanili di C.O. 2021 si sono conclusi oggi con lo sprint nella capitale lituana Vilnius. Le giovani speranze svizzere hanno potuto festeggiare due diplomi e un altro ottimo posto nella top ten.

Nella città vecchia di Vilnius, con le sue strade strette e tortuose e gli ampi parchi, sono stati assegnati oggi le ultime medaglie degli EYOC in Lituania. Gli ostacoli artificiali e i passaggi chiusi aumentavano ancora di più la difficoltà.

Loïc Berger ha conquistato un diploma, mentre l'oro è andato al ceco Jan Strycek. Dopo una buona corsa era a soli quattro secondi dalle medaglie - alla fine è stato sufficiente per il quinto posto. Commentando la sua corsa, il 15enne Romando ha detto: "Ho avuto una buona corsa e sono stato in grado di attuare il mio concetto in modo pulito. Penso che il tipo di terreno di corsa con sezioni tecnicamente più difficili, ma anche sezioni in cui l'aspetto fisico era importante, si adattava a me". Gli altri corridori svizzeri H16 si sono classificati 11° (Leander Wylenmann), 12° (Elia Gartmann) e 23° (Lukas Gasser).

Nella categoria superiore, Elia Ren è stato il più veloce svizzero piazzandosi al 18° posto, mentre l'oro è andato al tedesco Konrad Stamer. "La competizione è stata mentalmente difficile. C'erano molti passaggi bloccati, quindi era importante pianificare attentamente le tratte", ha detto il ticinese. Dopo una buona partenza, ha detto, non era abbastanza preparato per le scelte di percorso in due occasioni e verso la fine gli mancava anche l'energia per una corsa più veloce. Benjamin Wey non è partito bene, ma è stato in grado di alzare il ritmo verso la fine e ha finito al 21° posto. Joschi Schmid si è classificato 28° e Martin Köhle 36°.

Tra le D16, la svizzera Leonie Mathis si è classificata 17°, Anna Stüdeli 18°, Ladina Gasser 23° e Minna Senn 29°, mentre la medaglia d'oro è andata all'ungherese Rita Maramarosi. "È stato uno sprint molto bello con dei passaggi insidiosi, che ho potuto anche godermi un po'. Alla fine, però, ho perso un po' di tempo perché non ho visto qualche barriera artificiale", ha detto Leonie Mathis. Tuttavia, è soddisfatta di essere riuscita a dare il meglio di sé oggi.

Nina Hubmann ha ricevuto oggi il secondo diploma di giornata. È arrivata sesta, 32 secondi dietro alla vincitrice ungherese Viktoria Mag. Con Rosa Bieri al 10° posto, una seconda atleta svizzera è entrata nella top ten, Lisa Hubmann solo un secondo dietro di lei all'11° posto. Alina Niggli ha finito i Campionati Europei Giovanili al 16° posto nello sprint. "Sono molto sollevata di essere stata in grado di finire i Campionati Europei Giovanili con una buona gara dopo due corse senza essere riuscita a dare il meglio", dice Nina Hubmann felice del suo primo diploma individuale ad un Campionato Europeo Giovanile. In particolare, le strade chiuse artificialmente dovevano essere riconosciute in anticipo e prese in considerazione di conseguenza nella scelta del percorso.

IOF-Livecenter
Pagina organizzatori

Risultati

(Testo: Annalena Schmid)
RSS Feed