Ancora una volta, circa 6.000 gambe di bambini si sono sfidate martedì al Schachen di Aarau, con al centro l'ippodromo, la pista di atletica e il campo da calcio. E non è tutto: dalla partenza all’arrivo, dovevano correre in due passaggi su un percorso di C.O. stampato su una carta speciale.

L'insegnante di Bad Zurzach detta il ritmo


IMG 20240611 WA0075
Sanna Hotz e Timo Suter


IMG 20240611 WA0076
Gli ospiti provano la C.O.

L'associazione di C.O. argoviese ha organizzato su incarico dell’ufficio dello sport cantonale BKS con Eva Martin come capo gara e, alla sera, ha potuto trarre una conclusione assolutamente positiva della giornata! Era felice che il più grande evento sportivo scolastico del Cantone si fosse concluso con molti volti raggianti di alunni, insegnanti e aiutanti. Il fatto che questa volta non ci sia stato il sole non ha avuto molta importanza: almeno è rimasto asciutto per tutta la durata dell'evento, così che, oltre alla corsa d’orientamento, si sono potuti fare anche i picnic di classe sui prati. Anche se molti alunni non sono riusciti a finire senza cercare, si sono visti volti felici e soddisfatti. Perché la C.O. non è certo uno sport facile! Non vale la pena di andare sempre a tutto gas! C'è poi la lettura della carta, che va affrontata con calma, magari da fermi. Due persone che hanno sicuramente imparato la O e la C sono gli atleti della nazionale Timo Suter e Sanna Hotz. Hanno pazientemente distribuito autografi agli alunni prima e dopo le loro gare.

Il più grande evento svizzero di C.O. scolastica con un'organizzazione di prim'ordine

L'Aargauer Cup è da anni il più grande evento del suo genere in Svizzera. Per gli organizzatori è importante che ogni anno il maggior numero possibile di bambini entri in contatto con questo sano sport di resistenza, abbinato al lavoro mentale. Questo è apprezzato anche dagli insegnanti che, senza eccezioni, sono entusiasti dell'evento, a volte addirittura euforici. Molti si sono esercitati in modo mirato con i loro alunni, come l'insegnante distrettuale Hügli di Windisch, che ha parlato di 8-10 settimane di preparazione, sia al chiuso (teoria) che nella pratica sulla carta della scuola di Windisch. La sua collega, l'insegnante di quinta elementare Mühleis, ha persino creato il proprio abbigliamento con la sua classe, indossandone uno con la scritta "Coach". Anche la scuola di Bad Zurzach ha fatto un'apparizione originale, marciando nell'area dell'ippodromo quasi come la cavalleria con l'insegnante Berz in testa. Per le associazioni argoviesi e svizzere e per il comitato organizzatore, un tale riscontro vale oro e li motiva a organizzare l'evento anno dopo anno. Anche il consigliere di stato Alex Hürzeler, che ha visitato la sCOOL Cup, è rimasto impressionato. Anche lui è rimasto entusiasta del trambusto al Schachen e ha ringraziato gli organizzatori, gli aiutanti e gli sponsor, perché senza di loro un evento di queste dimensioni non sarebbe possibile. L'insegnante Katrin Kruysse dello Schöftland ha concluso con queste parole: "Ad Aarau è sempre tutto bello, ben organizzato e - torneremo!".  Potete scoprire come si sono comportati gli alunni dei vari comuni argoviesi sul sito web di sCOOL (cliccare su AG).

(Testo e foto: Jacqueline Keller)