Inizio ideale degli europei giovanili in Bulgarua: Katja Brütsch (D18) e Lilly Graber (D16) hanno portato i primi successi svizzeri con due argenti. Janis Hutzli, Alina Niggli e Jonas Soldini hanno vinto un diploma nella difficile sprint nel castello.

Nel mezzo del castello Tsarevets nella bulgara Veliko Tarnovo sono iniziati gli europei giovanili (EYOC). Nella sprint la Svizzera poteva aspettarsi delle medaglie. È quella disciplina dove la Svizzera ha spesso un piccolo vantaggio in confronto alle altre nazioni. Ma il terreno nell'intricato castello era poco abiutale anche per la squadra della capo delegazione Mirjam Pfister. E le speranze segrete si sono avverate grazie a Katja Brütsch e Lilly Graber. Entrambe hanno vinto la loro prima medaglia alla prima gara contro avversarie internazionali. Hanno così reagalato un favoloso inizio all'inesperta squadra. Meno fortuna con le medaglie per i maschi.

Per Katja Brütsch l'argento è una grande ricompensa. In marzo l'atleta di Uhwiesen si era strappata i legamenti e non è riuscita a qualificarsi ai Testlauf in Ticino per i mondiali juniori. Così la nazionale juniori è alla partenza degli EYOC in Bulgaria e festeggia il suo successo più importante nella sprint: "Non è stata una gara completamente perfetta. Anche io ho divuto fermarmi ogni tanto nel castello per orientarmi", ha detto la 18enne. Si era messa molta pressione, ma era ottimamente preparata. Sapere di essersi preparata intensamente con la vecchia carta e con Google-Streetview, ha tolto un pochino di nervosità da Brütsch prima della prima grande gara internazionale. Per l'oro mancavano 41 secondi - l'ungherese Csilla Gardonyi ha corso tra le D18 in una gara a sé.

Lilly Graber ha imitato la compagna di squadra e ha sorpreso anche sé stessa alla prima gara agli EYOC: "Volevo vedere come andavo internazionalmente", ha detto la 15enne. Quando lo speaker ha detto che si era piazzata sul podio, non poteva crederci. L'argoviese ha condiviso il secondo rango con la slovacca Tamara Miklusova grazie ad una gara pulita tecnicamente. Hanno preso 34 secondi dalla vincitrice britannica Megan Keith. "All'inizio mi sono presa molto tempo. Ne è valsa la pena", ha detto Graber dopo la consegna delle medaglie. Già ai Testlauf in Ticino l'alteta dell'OLG Suhr aveva corso bene nella sprint, nonostante non sia la sua disciplina più forte.

Meno fortuna per Janis Hutzli (H16). Quasi fino alla fine ha potuto sperare in un podio, prima che il finlandese Touko Seppa è arrivato vincendo l'oro. Invece di una medaglia è così arrivato un diploma - quattro secondi mancavano dal bronzo. Anche Alina Niggli (D16/5. rango) e Jonas Soldini (H18/5. rango) hanno mancato di poco una medaglia, ma hanno reso ancora migliore il bilancio della squadra. Nella long di domani la delegazione svizzera avrà la possibilità di vincere altre medaglie. (Testo: Yann Schlegel)

Risultati

Pagina organizzatori

RSS Feed